martedì 21 ottobre 2014



Di Fausto Carotenuto

E' impressionante come sia facile far accettare qualsiasi cosa dopo aver infatuato una massa di persone lanciandola contro qualcuno.
In Italia si è creato un nemico “casta”, ma non perchè fosse corrotta. Quello per certi oscuri poteri certo non è un problema... Lo si è fatto solo per bloccare con campagne di odio le libere coscienze e per favorire una “supercasta” che quella casta ormai inutile ai suoi disegni mondialisti voleva eliminare…
I nazisti condizionarono un intero popolo con l'odio per gli ebrei, trasformandolo per qualche anno in una macchina di morte.
Gruppi oscuri islamici, spinti da centrali internazionali, alimentano da decenni l’odio per l’Occidente nelle masse islamiche, generando schiere di fanatici.
La minaccia terrorizzante islamica, così costruita, genera campagne di odio emergenziale in occidente contro islamici, immigrati, ecc…
E si possono fare nuove guerre con il sostegno delle masse.Non si scherza con l'uso dell'odio.

Uno dei metodi principali per il controllo delle masse è  proprio quello dell'odio. Importante per condizionare e contemporaneamente enorme ostacolo alla costruzione di una societá armoniosa, basata su coscienze libere. Veramente capaci di fare il bene e di dare del filo da torcere agli antichi poteri di dominio.
Odiare fa male prima di tutto a chi odia: toglie serenità, lucidità, libertà...
In politica e nella società ci vogliono soluzioni intelligenti ed energiche dettate dal coraggio dell'Amore. Diffondere idee, conoscenze, consapevolezza, verità, libertá. Giustizia, anche inflessibile. Ma accompagnata da vera compassione...
Alle onde di odio nelle quali ci vogliono coinvolgere opponiamo la ricerca della consapevolezza ed una genuina voglia di Bene, per tutti.

Fonte:http://coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2135-l-odio,-antico-trucco-del-potere-da-dissolvere-con-un-consapevole-amore

Posted on 10:15 by Informazione Consapevole

No comments

lunedì 20 ottobre 2014



Di Salvatore Santoru

I semi di Chia, nota anche come "Salvia Hispanica", presentano diversi benefici, a partire dall' altissimo contenuto di Vitamine e Sali minerali, e quindi risultano come integratori alimentari naturali.
 Inoltre sono considerati benefici a livello dell’apparato cardiovascolare per quanto riguarda la prevenzione delle malattie ad esso legate. Chi soffre di pressione alta potrebbe trovare giovamento aggiungendo i semi di Chia alla sua alimentazione, poiché essi sono considerati in grado di contribuire alla regolazione della pressione sanguigna.

 Sono anche adatti a coloro che desiderano perdere peso, poiché sono in grado di fornire nutrienti essenziali ed energia senza che l’organismo richieda di assumere grandi quantità di alimenti in sovrappiù. Non contenenendo assolutamente glutine la loro assunzione è quindi possibile e consigliata anche a chi soffre di celiachia.



semi di chia

Posted on 18:28 by Informazione Consapevole

1 comment

venerdì 17 ottobre 2014


Di Chiara Boracchi

Tra dieci anni le nostre città potrebbero funzionare grazie a reattori nucleari a fusione, quelli “puliti”, per intenderci.

Ad affermarlo è la Lockheed Martin Corporation, società aerospaziale che si occupa di ricerca scientifica e sicurezza globale, principale fornitore del Pentagono e sempre più coinvolta in progetti che riguardano l’utilizzo di energie alternative.

Il progetto a cui il team dell’ingegnere Tom McGuire sta lavorando è una struttura di reattore compatto di circa 3 metri per due, grande poco più del retro di un camion e 10 volte più piccola degli attuali reattori a fissione.

Tra-10-anni-il-mondo-funzionerà-a-fusione_2
Foto © Lockheed Martin

Come ha raccontato lo scienziato alla Reuters, sarà possibile testare la tecnologia entro un anno, far funzionare un prototipo entro cinque e metterla a regime entro dieci.

Il progetto cerca di “copiare” il sole e le altre stelle e di sfruttare l’energia rilasciata durante la fusione nucleare (gli attuali reattori sono a fissione), quando gli atomi si combinano in forme più stabili.

“Possiamo fare una grande differenza sul fronte energetico,” ha detto McGuire, ricordando che la Lockheed ha 60 anni di ricerca sulle spalle in merito alla fusione nucleare come fonte di energia alternativa.

L’azienda considera il progetto come parte di un piano per risolvere i problemi energetici mondiali e  affrontare il cambiamento climatico globale, ridurre i conflitti dovuti alle risorse e i problemi derivanti dall’utilizzo di fonti energetiche “sporche”.

Il team di scienziati fa infatti sapere che una stessa quantità di combustibile “pulito” avrebbe una resa superiore 10 milioni di volte rispetto al combustibile fossile (come il carbone).

La fusione presenta svariati vantaggi ambientali: la maggior parte delle scorie ha una bassa radioattività che si esaurisce in soli cento anni (quelle della fissione si esauriscono in 100.000), riducendo di molto il problema dello stoccaggio; produce un gas di scarico non radioattivo, ossia l’elio; non produce gas ad effetto serra; non produce plutonio; il combustibile principale della fusione, il deuterio, è estratto dall’acqua, mentre il trizio proviene da depositi di litio naturali.

McGuire ha addirittura affermato che i reattori futuri potrebbero usare un carburante diverso ed eliminare così completamente i residui radioattivi, diventando totalmente ecosostenibili.

Non resta che aspettare gli sviluppi di questa tecnologia.

foto di copertina © static.businessinsider.com

Fonte:http://www.lifegate.it/persone/news/tra-10-anni-il-mondo-funzionera-fusione

Posted on 20:28 by Informazione Consapevole

No comments



Di Salvatore Santoru

La società contemporanea ha raggiunto livelli di massificazione e omologazione estremi.
In fin dei conti tutti facciamo più o meno le stesse cose, si parla un minuto sì e l'altro pure di "libertà", ma in fin dei conti reale libertà non è che esista.

Come diceva Goethe "nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero".
Difatti, la "libertà" di scelta tanto idealizzata, è solo un'illusione.




Dalla culla alla tomba siamo costantemente bombardati dalla pervasiva propaganda della cosiddetta "cultura di massa" odierna, che si estrinseca tramite la martellante pubblicità commerciale e la diffusione di sempre nuove tendenze e mode.

Ci si divide tra cosiddetti "conformisti" e gli autodichiarati "anticonformisti" ,"mainstream" e "alternativi", ma la sostanza non cambia: identica omologazione e conformismo imposto dai diktat sociali.



C'è da segnalare un piccolo particolare e "paradosso" per la società contemporanea, basata sulla massificazione totalitaria.

Infatti, in essa tutti credono e affermano di essere diversi dagli altri, "speciali", "unici" e così via, e in fin dei conti sono tutti uguali.



Insomma, una società di massa formata da gente che dice di non seguire la massa di cui fanno parte...  un bel paradosso, no ?

Posted on 16:49 by Informazione Consapevole

No comments

mercoledì 15 ottobre 2014

Di Cristina Bassi
10 quotidiani per lo piu' americani, tra il 1915 e 1938 ripetutamente parlano di 6 milioni di morti Ebrei. Molto prima della Seconda Guerra Mondiale...
 Nel seguito una sintesi tradotta  da articoli, soprattutto di quotidiani americani,  presentati in  questo video: https://www.youtube.com/watch?v=Dda-0Q_XUhk#t=39 e che spaziano dal 1915 al 1938. Si noti la ripetizione di "6 MLIONI di Ebrei", che devono venire massacrati e morire di stenti. Evidente che sorprende molto leggere queste notizie, cosi in anticipo rispetto all'olocausto storico associato a Hitler. 

6 giugno 1915: The Sun”, NewYork

“Dalla distruzione del tempio di Gerusalemme gli Ebrei non conoscono pagina piu’ oscura  nella loro storia, di quella che il  governo russo sta scrivendo oggi. 6 MILIONI di Ebrei ,metà degli Ebrei in tutto il mondo, sono perseguitati, umiliati, torturati, ridotti alla fame. Migliaia sono stati fatti fuori. Centinaia di migliaia di Ebrei, vecchi, donne e bambini, sono portati di città in città, senza pietà, deportati dal governo, attaccati da truppe del loro paese, oltraggiati e saccheggiati”.
18 ottobre 1918, New York Times, pag 12
“Fondo di 1 milione di dollari per ricostruire la “ebraicità”.
 6 MILIONI di anime avranno bisogno di aiuto per recuperare la vita normale, quando la guerra sarà finita. 
6 MILIONI di Ebrei hanno bisogno di aiuto.
8 settembre 1919, New York Times, pag 6
Ebrei Ucraini vogliono fermare i pogrom. 127.000 Ebrei sono stai uccisi e 6 MILIONI sono in pericolo. Ci presentiamo ora al mondo con uno slogan determinato: ”Quei pogroms devono essere fermati”, ha detto il Presidente  nel suo messaggio annuale. “Si tratta solo di metetre questi fatti davanti agli occhi del mondo civilizzato , non dobbiamo permettere che il mondo  si assopisca. Il fatto che la popolazione di 6 MILIONI di anime in Ucraina e Polonia, abbia ricevuto notizia sia nelle azioni che dal mondo, che verrà completamente sterminata …questo fatto è davanti al mondo come massimo tema del tempo presente.
12 novembre 1919, New York Times, pag 7
“Felix Warburg, Presidente del Comitato Congiunto di Distribuzione di Fondi Americani per gli Ebrei che hanno sofferto in guerra (Joint Distribution Commitee of American Funds for Jewish War Sufferers), tornato molti giorni fa da un viaggio in Europa, ha reso noto ieri alcune delle sue scoperte:
“I colpi degli eserciti contendenti hanno rotto la schiena alla ebraicità europea - ha detto-  ed hanno tragicamente ridotto ad una inimmaginabile povertà, malattia e fame, circa 6 MILIONI di anime , o la metà degli Ebrei che popolano la terra.
23 febbraio 1920, Costituzione di Atlanta, frontespizio e pag 3
“50.000 dollari raccolti in città per salvare gli Ebrei che soffrono” . Agli Ebrei di Atlanta viene richiesto di darsi da fare per l’occasione e contribuire al fondo di emergenza, per poter salvare la vita di 6 MILIONI di persone., 
Parla il Rabbino Marx, che ha fatto una eloquente supplica perché ci fossero risposte generose alla richiesta dei rappresentanti del fondo di soccorso ebreo. Ha disegnato un grafico della morte e fame di 6 MILIONI di Ebrei che vivono nell’Europa dell’Est e in Palestina e che hanno parlato della persecuzione a cui sono stai sottoposti, non solo negli ultimi 4 anni, per per quasi un secolo.
“In migliaia e migliaia della nostra gente sono morti di fame e di pestilenza”.
7 maggio 1920 , New York Times, pag 11
L’aiuto di guerra per gli Ebrei, riceve 100.000 dollari in dono.
Il fondo per gli Ebrei che hanno sofferto in guerra, nell’Europa Centrale e dell’Est, dove 6 MILIONI hanno dovuto affrontare orribili condizioni di fame, malattia e morte, si è arricchito ieri di un contributo di 100.000 dollari da parte di Nathan Strauss.
20 luglio 1921, Chicago Tribune, pag 2
“Chiede all’America di salvare 6 MILIONI in Russia" 
6 MILIONI di Ebrei Russia stanno per essere sterminati in un massacro. Mentre la fame si sta diffondendo, il movimento di controrivoluzione sta conquistando terreno e il controllo sovietico sta svanendo. Questa affermazione nasce da documenti ufficiali, presentati al governo di Berlino, che mostra che molti pogrom stanno infuriando in tutte le parti della Russia ed Ucraina.

>>> NOTA BENE: 12 anni prima che Hitler appaia sulla scena con i campi di concentramento>>>

29 dicembre 1931, Montreal Gazette, pag 6
“6 MILIONI di Ebrei temono di morire di fame”

Cattive condizioni in Europa sud orientale, riportate dal Rabbino Wise
. 6MILIONi  di ebrei nell’Europa Orientale rischiano di morire di fame e, ancor peggio, nel corso nel prossimo inverno, se non si raccoglieranno ulteriori fondi da parte del Comitato Congiunto di Distribuzione di fondi Americani per gli Ebrei che hanno sofferto in guerra, per raggiungere un budget stimato di 2,5 milioni di dollari
.


31 maggio 1936, New York Timespag 14
qui non si dice di 6 milioni di Ebrei ma si accenna all’olocausto.

“Gli Americani fanno appello per un "rifugio ebreo”
. La petizione, nell'esprimere l’opinione di una leadership cristiana illuminata, negli Stati Uniti, favorendo una maggiore immigrazione ebrea in Palestina, sottolinea le sofferenze intollerabili di milioni di Ebrei, “nell’Olocausto europeo” (prima ancora che scoppiasse la seconda guerra mondiale!)
Ma ancora:
“E’ nel potere della Gran Bretagna, quello di aprire i cancelli della Palestina e lasciar entrare gli Ebrei vittimizzati e perseguitati, che sino scappati dall’olocausto europeo. (piu’ di 3 anni prima che scoppiasse la Seconda Guerra Mondiale!)
23 febbraio 1938, New York Times, pag 23

“Fotografata la tragedia ebrea: ”
Una immagine deprimente di 6 MILIONI di Ebrei nell’Europa Centrale, privati di protezione e di opportunità economiche, che stanno lentamente morendo di stenti, in cui tutte le speranze se ne sono andate, è stata presentata agli insegnanti da Jakob Tarshis, noto ai suoi ascoltatori radio come il lampionaio
. Mr Tarshis rappresenta il Comitato Congiunto di Distribuzione di fondi Americani per gli Ebrei
“
La tragedia ebrea è cominciata quando Hitler è andato al potere nel 1933”

Posted on 14:06 by Informazione Consapevole

1 comment

martedì 14 ottobre 2014



Di Salvatore Santoru

108 anni fa nasceva la celebre scrittrice e filosofa tedesca di origine ebraica Hannah Arendt, conosciuta per le sue acute riflessioni sulla società e il funzionamento dei sistemi totalitari novecenteschi.
La sua opera più importante è stata indubbiamente "La Banalità del Male",saggio pubblicato nel 1963 e basato sui resoconti che l'autrice pubblicò come corrispondente del settimanale New Yorker per il processo ad Adolf Eichmann.





Tralasciando gli aspetti meramente filosofici dell'opera, ciò che risulta indubbiamente interessante di essa è il messaggio che l'autrice ha voluto trasmettere, e che risulta tutt'ora attuale.

Tale messaggio consiste nel considerare l'etica un valore fondamentale e imprescindibile per il funzionamento della società, in aperta polemica con quello che la stessa scrittrice chiama "relativismo nichilista",  che è servito come base e giustificazione delle politiche adottate nel nome dell'ideologia nazista e/o comunista.



Per relativismo nichilista si intende la cancellazione dei valori etici e di ciò che concerne la responsabilità e la coscienza morale dalle basi sociali, con la sostituzione di essi con "nuovi valori" basati sull'ideologia, gli standard economici e politici e così via.

La "banalità del male" secondo la Arendt è perfettamente personificata da Eichmann, il quale aveva il compito di coordinare il trasferimento dei prigionieri ebrei nei campi di concentramento.



Ciò che stupì la scrittrice, era che Eichmann non era un mosto qualunque, ma un'individuo comune che, come affermò anche nel processo, svolgeva il suo lavoro e basta, senza farsi troppi scrupoli morali, ma badando solo al fatto di essere svolgere un'attività "funzionale" ai suoi interessi e a quelli della società.

In questo secondo la filosofa sta la "banalità del Male", ovvero nell'adattamento acritico ai dettami sociali, qualunque essi siano .

Come già scritto, la Arendt attacca anche la fortemente diffusa idea del relativismo nichilista, basata sulla negazione dei concetti di "bene" e "male", negazione che notoriamente era alla base del regime nazista, che si considerava " al di là del bene e del male", e di quello comunista, e più in generale di qualunque sistema totalitario e/o dittatoriale, e che al giorno d'oggi hanno trovato nuovamente una grande popolarità nella società contemporanea, dove i valori etici sono stati rimpiazzati da quelli economici.



La Arendt affermò anche che "Il suddito ideale del regime totalitario non è il nazista convinto o il comunista convinto, ma l'individuo per il quale la distinzione fra realtà e finzione, fra vero e falso non esiste più".

Per la Arendt il costante utilizzo del pensiero critico e della coscienza e responsabilità morale può essere un sufficiente blocco al dilagare della "banalità del male", in quanto utile a discernere e a comprendere, mentre al contrario la massificazione, l'omologazione in quanto fenomeni basati sul prevalere dell'indistinto possono diventare terreno fertile per tale "banalità del male".

Posted on 15:49 by Informazione Consapevole

No comments


Di Lucio Musolino

Ha chiesto di utilizzare un immobile confiscato alla ‘ndrangheta per trasferire la sua azienda sull’orlo del fallimento. E intanto Equitalia ha avviato le procedure per vendere la sua casa all’asta. È la triste storia del testimone di giustizia Tiberio Bentivoglio che a Reggio Calabria gestisce una sanitaria. Qualche anno fa ha subito un tentato omicidio, ha denunciato e fatto arrestate la cosca del suo quartiere che gli ha incendiato il negozio per due volte. 


Lo ha rimesso in piedi ma non è riuscito più a pagare i contributi ai dipendenti, l’affitto dei locali e le tasse perché all’improvviso ha perso i clienti. Vorrebbe trasferire la sua attività commerciale in uno dei tanti immobili strappati alla ‘ndrangheta. Locali che, a Reggio, sono praticamente abbandonati. A lui l’Agenzia dei beni confiscati ha chiesto affitti da capogiro: anche 6mila euro al mese per la locazione. “Mi sono rivolto allo Stato ma i canoni sono esosi. – dice Bentivoglio – Non se ne parla neanche”. “È un prezzo fuori dal mercato” è il commento del procuratore della Repubblica di Reggio Calabria Federico Cafiero De Raho il quale si sofferma pure sulla vendita all’asta dell’abitazione di Bentivoglio: “La Procura aveva emesso un provvedimento di sospensione che è scaduto il 25 settembre. Dopo 5 giorni Equitalia si è presentata per la vendita della casa. 


Mi domando: la stessa solerzia c’è anche per gli altri debitori?”. “La mia casa – si sfoga Bentivoglio – non la comprerà una brava persona, ma verrà un mafioso, un pezzo di malacarne e si comprerà il mio bene immobile.

Posted on 00:06 by Informazione Consapevole

No comments