Il Piano Funk: il progetto di una "moneta unica europea" durante il nazismo

Di Antonio Rinaldi
Le radici della tentazione di esercitare leadership sul Continente si perdono nel tempo, fino a identificarsi nel concetto nella Mitteleuropa, area geo-politica per definire più che zona geografica un “destino” comune, nella prospettiva di coagulare affinità storiche, sociali, culturali, scientifiche e economiche che tanto avevano contribuito al cammino dell’umanità tra il XVII e XIX secolo, secondi solamente al contributo fondamentale apportato fino a quei tempi a esclusivo appannaggio della sola civiltà romana.
Questo concetto ideale di “Europa Centrale” mescolava tutte queste caratteristiche e si fondeva intimamente con la già prorompente volontà tedesca nel dominare gran parte del Continente, chiamata per l’appunto Mitteleuropa e che comprendeva un territorio con confini non propriamente definiti, che si identificavano con quella parte dell’Europa Centrale compresa fra il Mar Baltico a Nord e le Alpi a Sud, a Ovest con la Francia e a Est con quella che era la Russia pre-Unione Sovietica, ma includendo comunque la Lituania, l’Estonia e la Lettonia. Ma si potrebbe affermare, per meglio definire il concetto ispiratore della Mitteleuropa, che i suoi confini erano immaginari proprio perché propensi a essere ridisegnati e a evolversi al formarsi di ogni nuova favorevole situazione storica.
Il primo atto ufficiale, nel riconoscere comunque quest’area europea, è del 21 gennaio 1904 quando fu creata a Berlino l’Associazione Economica Centro-Europea (Mitteleuropäischer Wirtschaftsverein), finalizzata all’integrazione economica dell’Impero Tedesco e dell’Impero Austro-Ungarico con l’auspicabile estensione futura della Svizzera, del Belgio e del Lussemburgo.
Sarà poi nel 1915, Friedrich Naumann gran teorico del pangermanesimo, con la pubblicazione del saggio “Mitteleuropa”, a indicare la necessità di stabilire al termine della guerra, una sorta di grande area economica Centro-Europea per mezzo di una unione politica che raggruppasse tutte le popolazioni di stirpe e lingua tedesca.  Nelle intenzioni di Naumann vi era la creazione di una federazione che avesse al suo centro la Germania e l’Austria-Ungheria, paesi satelliti limitrofi compresi, con la futura integrazione di altre nazioni esterne a Ovest come Francia e Inghilterra e a Est come la Russia.
Con la sconfitta tedesca nella I Guerra Mondiale e la dissoluzione dell’Impero Austro-Ungarico, le aspirazioni accantonate temporaneamente, vennero “resuscitate” negli anni trenta, con estremo vigore e enfasi come parte integrante dell’ideologia nazista, la quale non mancò di perseguire l’idea di predominio sul Continente.
Il “merito”, di aver articolato tecnicamente questo ideale di supremazia mai del tutto sopito nelle aspirazioni germaniche, appartiene all’opera di Walther Funk il quale predispose un piano, per l’appunto Il Piano Funk, in qualità di ministro per gli affari economici del Terzo Reich dal 1938 al 1945, su incarico diretto da Hitler per poter pianificare una dettagliata strategia per il predominio economico della Germania a supporto di quella militare. La titolarità di aver portato a conoscenza di questi fatti storici il grande pubblico dalla polvere del tempo è del prof. Paolo Savona, che nell’ottobre del 2012 pubblicò “Lettera agli amici italiani e tedeschi, dove in una lucidissima analisi, metteva in guardia dai pericoli derivanti dall’unione monetaria europea.
Funk, editore dal 1921 del giornale finanziario Berliner Borsenzeitung, fece una rapida carriera politica passando nel’31 nelle file del partito nazista e divenendone prima deputato del Reichstag nel 1932 e poi assumendo inoltre la carica di presidente della politica economica all’interno del partito.
Con Hitler ormai al potere, divenne prima Segretario di Stato presso il Ministero della Propaganda (1933), per poi insidiarsi come titolare al dicastero per l’Economia (1938) con l’appoggio di Hermann Goering, che lo preferì a altri per la sua fedeltà a supporto della realizzazione dei piani militari. Fedeltà ricambiata con la nomina anche a Governatore della Banca Centrale Reichsbank (antesignana della Bundesbank) nel ’39 e nel consiglio della pianificazione del Terzo Reich nel 1943.
Queste funzioni così elevate gli permisero, con il sostegno stesso del Fuhrer, di rielaborare a più riprese un piano estremamente particolareggiato per la conquista e pianificazione del dominio economico tedesco su tutta l’area continentale europea, enunciato nella sua articolata configurazione nel discorso “La riorganizzazione economica dell’Europa” del 25 luglio del 1940, dove, invaso da delirio di onnipotenza, invocava addirittura il filosofo Hegel a sostegno della validità delle proprie idee.
Il piano prevedeva essenzialmente di realizzare l’autonomia continentale dal punto di vista delle materie prime e dei processi di trasformazione, una sorta di autarchia dell’area europea sulla base dell’evoluzione dei vecchi concetti espressi a supporto della citata Mitteleuropa e integrato dal grande progetto di dominazione politico-razziale-sociale perseguito dalla dottrina del nazismo.
A supporto della realizzazione del progetto si ribadiva l’indispensabilità di prendere come riferimento la politica economica nazionalsocialista per la guida del nuovo ordine, nella convinzione che essendo disciplinata dal rigido dogma dei suoi metodifosse idonea come nessun’altra nell’essere adottata da tutti gli altri paesi.
Come ben descrive il portale italiano sulla Shoah, dopo la caduta della Francia nel giugno del 1940 quando sembrava inarrestabile l’avanzata della Wehrmacht e la caduta dell’Inghilterra era data per scontata, la parola d’ordine eraNeuordnung Europas, Nuovo Ordine dell’Europa, che aggiunta alle mire imperialistiche coloniali nei confronti del Nord Africa, avrebbero consentito la creazione di una enorme area geo-politica integrata e autosufficiente da dominare.
L’economia della nuova grande aria non doveva significare solo la subordinazione dell’apparato produttivo di tutto il continente europeo in funzione della supremazia della Germania, ma anche segnare differenze tra Europa Occidentale e Orientale essendo il Reich il nucleo centrale di una grande coalizione di nazioni disponibili  allapenetrazione della potenza industriale e finanziaria tedesca all’interno delle loro stesse strutture, le cui risorse sarebbero dovute affluire comunque verso il centro dominatore.
La Germania arbitra dei destini dell’Europa, avrebbe monopolizzato e condizionato ogni attività e iniziativa in questaaggregazione forzata e la popolazione sarebbe stata anche classificata con parametri culturali e sociali considerati tipici del popolo tedesco, nella ferrea convinzione-presunzione, che i propri metodi proposti, se adottati, si sarebberorivelati di grande vantaggio anche per le altre nazioni.
Particolarmente interessanti i passaggi del discorso in cui Funk rivelava le specifiche del suo Piano riguardo alla questione della creazione di una nuova moneta (siamo nel 1940!), all’interno della quale prefigurava nella grande area economica che si sarebbe realizzata, un ruolo predominante del marco come conseguenza della potenza del Reich, con l’istituzione di una area valutaria che avrebbe portato a una “moneta generale” (testualmente così definita) a supporto di un graduale livellamento delle normative infra-nazionali a favore dello sviluppo dovuto all’espansione economica.
Tale “moneta generale” non sarebbe stata ancorata all’oro con un sistema analogo al gold-standard, ma sostenuta da un sistema di compensazione europeo fra l’import-export dei paesi partecipanti, dove naturalmente alla Germania sarebbe spettata l’assoluta determinazione dei relativi flussi attraverso l’imposizione della sua politica economica supportata dal predominio militare conquistato e consolidato.
Da evidenziare che il concetto di “moneta generale” espresso da Funk, si sposa perfettamente con l’idea della creazione di una area valutaria da imporre al Continente con funzione aggregatrice per effetto della forza delle regole poste a suo supporto.
Lo stesso piano, scaturito dalle pretese isteriche di dominio, proprie delle dottrine naziste, non specificava espressamente se la nuova macro area economica si sarebbe avvalsa della circolazione di una nuova “moneta generale” autonoma oppure  direttamente dal marco, ma è quanto mai intuibile dall’analisi del progetto, che il ministro dell’economia nazista prevedesse comunque una totale e assoluta forma di controllo e di condizionamento da parte della Reichbank mediante l’adeguamento delle politiche economiche di tutti gli altri a quelle dettate dalla Germania, autodefinitasi unica depositaria di superiori dogmi in grado di governare e guidare l’Europa.
Il Piano Funk: il progetto di una "moneta unica europea" durante il nazismo Il Piano Funk: il progetto di una "moneta unica europea" durante il nazismo Reviewed by Informazione Consapevole on 14:56 Rating: 5

Nessun commento