BREAKING NEWS

STRAGE DI MONACO: L'ATTENTATORE HA DECISO DI FARE IL BULLO VIOLENTO E TERRORISTA PER "VENDICARSI" DEL BULLISMO SUBITO

Strage di Monaco, l'attentatore è il 18enne tedesco di origini iraniane Alì Sonboly

Di Salvatore Santoru

I media hanno riportato che l'autore della strage di Monaco,Alì Sonboly, fosse stato vittima di bullismo per ben 7 anni(1) e frequentasse una clinica psichiatrica(2).
Parrebbe che la motivazione della terribile vicenda sia stato il fatto che il ragazzino abbia deciso di "vendicarsi" dalle angherie subite, vendicandosi facendo subire a sua volta angherie e violenza sugli innocenti, perlopiù giovanissimi, che stavano tranquillamente prendendo qualcosa da mangiare a Mc Donalds.
In tal modo, da un punto di vista psichico Sonboly ha deciso di vendicarsi dell angherie diventando a sua volta un fanatico ed estremista bullo violento e terrorista, fanaticamente ed estremamente molto più estremista e violento dei suoi persecutori.
Difatti, come i bulli più violenti terrorizzano quei ragazzini o ragazzine che appaiono più tranquilli e lo fanno sempre e comunque in una posizione di vantaggio(forza fisica,età,carattere e cos' via), così Sonboly ha deciso di prendersela sopratutto con ragazzini e ragazzine più piccoli di sé e disarmati, forse anche per far sapere che anche lui era un "tipo cattivo", un vero "gangsta" violento di cui aver paura. 
In tal modo, non solo Sonboly non si è realmente vendicato del bullismo ma con il suo gesto ha voluto celebrare il bullismo più estremista e violento e il terrorismo, due fenomeni di violenza e odio che trovano i loro punti di contatto nell'attacco alla tranquillità e alla libertà delle persone nonché nel culto della prevaricazione gratuita e del MALE nel suo complesso, così come nell'odio verso la vita e la dignità propria e altrui.

NOTE:

(1)http://tg.la7.it/esteri/il-killer-di-monaco-io-vittima-di-bullismo-per-7-anni-23-07-2016-106147

(2)http://www.lastampa.it/2016/07/22/esteri/spari-in-un-centro-commerciale-a-monaco-krxTG0BZJU2LELVBgytCZI/pagina.html

Nessun commento