BREAKING NEWS

IN EUROPA IL DIESEL CONTINUA AD INQUINARE

Risultati immagini per DIESEL INQUINAMENTO
Di Irene Giuntella
Ad un anno dallo scandalo dieselgate nessuna azienda di automobili Ue rispetta i limiti di emissioni inquinanti. I veicoli “sporchi” sulle strade europee sono almeno 29 milioni. Le peggiori sarebbero la Suzuki e la Fiat, con un livello di emissioni di ossido di carbonio (Nox) 15 volte superiore alla soglia consentita, secondo lo studio della Ong Transport e Environment (T&E).
Limite che nel 2015 l’Unione Europea aveva fissato come Euro 6, ad 80 milligrammi per chilometro. Fino a quel momento lo standard Ue Euro 5 prevedeva un massimo di 180 milligrammi a chilometro: le automobili vendute tra il 2011 e il 2015 sarebbero dovute rientrare in questo parametro. Da quanto riportato dalla ricerca la Volkswagen non sarebbe la più inquinante o almeno non è la sola sotto accusa.

Auto inquinanti, indagine di Transport Environment

La Ong T&E ha analizzato i test di emissioni di circa 230 modelli di veicoli diesel , i dati sono stati presi da indagini dei governi inglese, francese e tedesco e da un database pubblico. «Un anno dopo che gli USA hanno colto l’imbroglio della Volkswagen , tutte le case produttrici di automobili hanno continuato a vendere in gran parte veicoli diesel inquinanti con la connivenza dei governi europei- afferma Greg Archer direttore per i veicoli puliti presso T&E – l’industria automobilistica tiene sotto scacco i suoi regolatori e i paesi Ue devono difendere i propri cittadini e porre fine alla copertura di questo scandalo. Solo un richiamo di tutte le automobili diesel nocive potrebbe rendere più pulita l’aria che respiriamo e ristabilire la credibilità del sistema legale europeo».
I veicoli inquinanti sulle strade Ue sono almeno 29 milioni, si tratta di modelli Euro 5 che secondo il report superano almeno tre volte i limiti Nox, solo uno su quattro degli immatricolati dal 2011 in poi rispetta la soglia. La maggior parte delle auto inquinanti si trova in Francia ( 5.5 milioni), in Germania (5.3 milioni), in UK ( 4.3 milioni), in Italia (3.1 milioni) , in Spagna (1.9 milioni) e in Belgio (1.4 milioni). Difatti questi veicoli hanno ottenuto l’approvazione dalle autorità nazionali «Il vero scandalo del Dieselgate è che in Europa le autorità di controllo nazionali chiudono un occhio sulle prove evidenti dei test truccati con il solo scopo di proteggere le industrie automobilistiche nazionali o i propri affari ha ribadito Greg Archer.
Appena dopo la Fiat e la Suzuki, tra i più inquinanti si posizionano anche i veicoli Renault-Nissan che oltrepassano i limiti imposti di ben quattordici volte. Poi le auto della General Motors Opel/Vauxhall che inquinano dieci volte di più e le auto diesel della Volkswagen cheinquinano il doppio dei limiti imposti per l’Euro 6.
L’anno scorso l’European Environment Agency ha dichiarato che l’NO2, prodotto principalmente dai motori diesel in aree urbane, sarebbe responsabile di almeno 72mila morti premature in Europa, soprattutto in Italia (21.600 casi), in UK (14.100), in Germania (10.400) , in Francia (7.700) , in Spagna (5.900) e in Belgio (2.300).

Nessun commento