SECONDO REUTERS YAHOO! GIRAVA MILIONI DI EMAIL AI SERVIZI SEGRETI STATUNITENSI

Risultati immagini per YAHOO INTELLIGENCE


Non c’è pace per Yahoo. La società americana, secondo Reuters, avrebbe raccolto in gran segreto centinaia di milioni di mail dei propri utenti, mettendole a disposizione di Fbi ed Nsa. L’agenzia cita fonti vicine al dossier. 

Attraverso il proprio account Twitter, Edward Snowden, la “talpa” del Datagate, ha invitato tutti i clienti di Yahoo a chiudere l’account.  
«Yahoo è una compagna rispettosa della legge e delle degli Stati Uniti», ha fatto sapere la società in una breve dichiarazione in risposta alle domande di Reuters sull’argomento, rifiutando ulteriori commenti. 

Secondo Reuters, Yahoo, l’anno scorso, avrebbe segretamente realizzato un programma software personalizzato per filtrare tutte centinaia di milioni di mail dei propri utenti, mettendole a disposizione degli 007 statunitensi. Al momento non si sa quali informazioni cercasse l’Intelligence. Si sa però che la richiesta a Yahoo è arrivata per la ricerca di una serie di “caratteristiche”: una frase in una mail o un allegato, ha precisato la fonte.  

La stessa Reuters non è stata in grado di determinare quali dati la società abbia effettivamente consegnato e se gli 007 si siano avvicinati ad altri provider di posta elettronica. Secondo due ex impiegati, la decisione dell’ad di Yahoo, Marissa Mayer, di accettare la direttiva avrebbe causato scontri con alcuni dirigenti e avrebbe portato alle dimissioni, nel giugno del 2015, del capo della sicurezza informatica Alex Stamos, che ora lavora a Facebook.  


Si tratta dunque di un’ulteriore tegola per il gigante del web. Yahoo, infatti, era stato accusato di aver tenuto i propri clienti all’oscuro di attacchi hacker, attraverso cui sarebbero state rubate informazioni private di milioni di persone. 
SECONDO REUTERS YAHOO! GIRAVA MILIONI DI EMAIL AI SERVIZI SEGRETI STATUNITENSI SECONDO REUTERS YAHOO! GIRAVA MILIONI DI EMAIL AI SERVIZI SEGRETI STATUNITENSI Reviewed by Informazione Consapevole on ottobre 05, 2016 Rating: 5

Nessun commento