IN GERMANIA ARRIVA IL PRIMO TRENO ALIMENTATO SOLTANTO A IDROGENO

A breve la Germania si doterà del primo treno alimentato solo a idrogeno che emetterà solo vapore all'esterno e sarà a emissione zero, nel pieno rispetto dell'ambiente.Si tratta del primo modello al mondo alimentato solo a idrogeno, capace di percorrere quasi 800 chilometri al giorno a una velocità di 140 chilometri orari.

Il Coradia Ilint, così è stato denominato il convoglio green che presto arriverà sul mercato tedesco, è considerato una valida alternativa ai 4mila treni diesel che circolano nel paese. 
Il primo stato federale a dotarsi di questo rivoluzionario mezzo di trasporto è la Bassa Sassonia, che ha già ordinato 14 modelli dalla società francese che li produce, la Alstom. Se l'esperimento avrà successo, questi treni verranno adottati in tutto il paese, secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Die Welt
I passeggeri tedeschi potranno salire a bordo dei treni molto presto. Il debutto dei primi convogli green è prevista per il dicembre del 2017, con i viaggi sulla linea Buxtehude-Bremervörde-Bremerhaven-Cuxhaven, in Bassa Sassonia.
Si sono dette interessate a questo progetto anche altre nazioni come Paesi Bassi, Norvegia e Danimarca. 
Il prototipo è stato presentato nel mese di agosto alla fiera InnoTrans di Berlino e potrà trasportare regolarmente i passeggeri su lunghe distanze. Il Coradia Ilint è alimentato da enormi batterie agli ioni di litio, che ottengono la loro energia da un serbatoio a idrogeno posto sul tettuccio del treno. L'amministratore delegato di Alstom, Henri Poupart-Lafarge, ha dichiarato di essere "orgoglioso di portare una rivoluzione nel trasporto pulito". 
"Questo dimostra la nostra capacità di lavorare in stretta collaborazione con i nostri clienti e di sviluppare un progetto di questa portata in soli due anni", ha sottolineato Lafarge. 
(Qui sotto il video che mostra il funzionamento del progetto)

FOTO:Il Coradi Ilint, il primo treno a idrogeno e a emissione zero che a partire dal prossimo anno viaggerà in Germania. Credit: Alstom/Twitter

Nessun commento

Powered by Blogger.