BREAKING NEWS

LA GUERRA IN IRAQ E L'AGENDA NEOCON

Risultati immagini per end of iraq time


Di James McConnachie e Robin Tudge *

C'era un gruppo di neoconservatori che faceva piani per il "cambio di regime" in Iraq già molto prima che George W.Bush andasse al potere, e quindi con largo anticipo rispetto all'11 settembre.
Nel gennaio del 1998 il gruppo dei cervelloni neocon del Progetto per un nuovo secolo americano(PNAC)inviò al presidente Clinton una lettera in cui si lanciava un appello per la deposizione di Saddam."Se Saddam dovesse acquisire la capacità di rendere operative le armi di distruzione di massa",diceva la lettera," "la sicurezza delle truppe americane nella regione,dei nostri amici e alleati quali Israele e i paesi arabi moderati, e altresì di una significativa porzione degli approvvigionamenti mondiali di petrolio, sarebbe messa a repentaglio"*.
Il primo firmatario della lettera era Elliot Abrams.Sfuggito all'incarcerazione nel 1991 grazie all'ammissione di colpevolezza per avere omesso di comunicare al Congresso che aveva sollecitato al sultano del Brunei un contributo di quasi 10 milioni di dollari da destinare ai contras,i gruppi armati di estrema destra del Nicaragua, Abrams aveva ricevuto il perdono presidenziale di George H.W. Bush nel 1992.
Al tempo della lettera inviata dal PNAC, era presidente dell'Ethics and Public Policy Center; nel febbraio del 2005 George W. Bush lo nominò viceconsigliere per la sicurezza nazionale, con l'incarico specifico di occuparsi della sua strategia... per la democrazia.

* FONTE:James McConnachie e Robin Tudge-Complotti e Cospirazioni,pagina 546-capitolo Giochi Di Guerra,paragrafo "Iraq: le vere ragioni della guerra?","I piani non così segreti dei neoconservatori".

* Corsivo degli autori del libro.

Nessun commento