BREAKING NEWS

In un video di 4 minuti le immagini mai viste di Giulio Regeni

Risultati immagini per REGENI VIDEO

http://www.askanews.it/top-10/in-un-video-di-4-minuti-le-immagini-mai-viste-di-giulio-regeni_711988561.htm

Quattro minuti di immagini inedite in un video che filma l'incontro tra Giulio Regeni e il capo del sindacato degli ambulanti del Cairo, Mohammed Abdallah. E' il 6 gennaio del 2015 e le riprese, realizzate verosimilmente con una micro telecamera inserita in un bottone e non con un telefonino, fanno vedere come come il capo dei sindacalisti spinga per ottenere i soldi del progetto finanziato da Antipode, la fondazione inglese che offre un finanziamento di 10mila sterline per la promozione e lo sviluppo per le ricerche in campo sociale. "Mia moglie ha il cancro e per me la cosa più importante è trovare dei soldi con ogni mezzo". Un atteggiamento giudicato dal ricercatore italiano, nel suo diario, come "un segno di miseria umana". "Tu sei convinto che io possiedo molta autorità. In verità io non ho alcuna autorità! il programma parte dalla Gran Bretagna. Io non conosco le persone operanti all'interno dell'istituto competente per i soldi! Che posso fare? Vuoi che gli scrivo una mail dicendogli che ci servono i soldi subito perché fra due settimane c'è la ricorrenza del 25 gennaio?!". Così ha detto Giulio Regeni il 6 gennaio dello scorso anno al sindacalista degli ambulanti del Cairo, Mohamed Abdallah. Abdallah chiede: "Si può fare?" e Regeni risponde: "Ma certo che no. Per me non è professionale" quindi aggiunge: "Io non ho nessuna autorità. Io sono solamente uno straniero in Egitto. Sono un ricercatore e mi interessa procedere nella mia ricerca - progetto. Io, Giulio, il mio interesse è questo. E mi interessa che voi come venditori ambulanti fruiate del denaro in modo ufficiale, come previsto dal progetto e dai britannici. Questo è l'importante per me". Abdallah dopo un po aggiunge: "No à allora à Giulio à non riesci a capirmi! Questi soldi li useremo in progetti di affitto di spazi per bancarelle eccetera, oppure li useremo per progetti politici per promuovere la libertà". Regeni ribadisce: "Fare politica la vedo difficile in questo frangente". "Allora, se sul piatto si mette una buona idea e intendiamo ottenere sovvenzionamento, sempreché ce li concedano, mi auguro di sì, allora ci saranno eventualmente molti progetti provenienti da diverse parti del mondo per i quali poter ottenere del denaro. Quindi, quello che voglio spiegare è che la cosa non è sicura al cento per cento, ma dobbiamo tentare e sperare. Se noi sul piatto abbiamo delle idee, magari proveniente, ad esempio, da te, allora, una volta ottenute le informazioni". Nav-Int5

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

FOTO:http://www.ilpost.it

Nessun commento