LE POSITIVITA' DELLA GLOBALIZZAZIONE E I DANNI DEL MONDIALISMO E/O 'GLOBALISMO'

Risultati immagini per cambridge university press domestic judicial review of trade remedies

Di Salvatore Santoru

Si parla spesso negativamente della globalizzazione ma al tempo stesso non si tiene conto che la globalizzazione è un fatto di per sé neutro e molto difficilmente bloccabile.
Al giorno d'oggi la globalizzazione è ciò che ci permette di conoscere di più, di parlare e scrivere in un determinato posto ed essere letti e ascoltati altrove, questo grazie anche a quel magnifico strumento globale qual'è Internet.
La globalizzazione è cercare,acquistare o trovare ciò che più ci aggrada(cibo,abbigliamento,musica ad esempio) a prescindere dal posto in cui stiamo e tanti altri aspetti di cui molto difficilmente si potrebbe fare a meno.
Discorso diverso invece lo meriterebbe il cosiddetto "mondialismo",e/o "globalismo",ovverosia la pretesa di centralizzare il pianeta in un unico stato e/o mercato globale, un progetto politico e economico/finanziario che oggi vede interessati certa destra "neoliberista"(o presunta tale) e certa sinistra "neoliberal"(o presunta tale).
C'è da dire che mondialismo e/o globalismo sono da considerarsi maggiormente affini all'imperialismo mondiale e al desiderio di controllo coercitivo (politico e/o economico) del pianeta piuttosto che con la globalizzazione in sé,globalizzazione che di per sé è altra cosa.

Share:

0 commenti