Obama taglia la pena per Chelsea Manning, fonte di Wikileaks: sarà libera nel 2017

Risultati immagini per CHELSEA Manning


Il presidente americano Barack Obama ha deciso di tagliare nettamente la pena per Chelsea Manning, l’analista dell’esercito condannata a 35 anni di carcere per la fuga di notizie a Wikileaks del 2010. Manning doveva rimanere in carcere fino al 2045 e sarà invece liberata nel maggio 2017. 

La decisione di Obama arriva dopo i due tentativi di suicidio da parte di Manning in carcere, dove da transgender si trova in un penitenziario maschile. Negli scorsi giorni scorsi Edward Snowden aveva lanciato un appello a Obama per la liberazione di Manning. 

Un tweet di WikiLeaks del 12 gennaio aveva offerto l’estradizione negli Stati Uniti di Julian Assange, che vive dal 2012 a Londra, ospite dell’Ambasciata dell’Ecuador, in cambio della grazia per Manning. 

Obama ha anche accorciato le sentenze di 209 prigionieri e perdonato 64 individui. Alla fine del suo mandato, venerdì, Obama avrà così commutato le sentenze di 1.385 persone e perdonato 212 persone. 

Obama taglia la pena per Chelsea Manning, fonte di Wikileaks: sarà libera nel 2017 Obama taglia la pena per Chelsea Manning, fonte di Wikileaks: sarà libera nel 2017 Reviewed by Informazione Consapevole on gennaio 17, 2017 Rating: 5

Nessun commento