Fake news, presentato ddl al Senato: “Multe fino a 5mila euro”. E Mosca pubblica online le “false notizie” dei media stranieri

Risultati immagini per FAKE NEWS
Condanne penali e civili per chi diffonde notizie “esagerate o tendenziose che riguardino dati o fatti manifestamente infondati o falsi”. E’ un passaggio del disegno di legge “Disposizioni per prevenire la manipolazione dell’informazione online, garantire la trasparenza sul web e incentivare l’alfabetizzazione mediatica” presentato oggi al Senato contro i blog e i forum che riportano fake news. Per chi le diffonde, si legge nel testo, si può arrivare a un’ammenda fino a 5mila euro. E se recano “pubblico allarme o nucumento agli interessi pubblici” la pena, oltre alla ammenda, è la reclusione non inferiore a 12 mesi. L’articolo 3 del disegno di legge prevede misure per contrastare l’anonimato, mentre l’articolo 4 norma la rettifica.
Un testo che arriva dopo le dichiarazioni del presidente dell’Antitrust Giovanni Pitruzzella, che a fine 2016 aveva proposto una “rete di organismi nazionali indipendenti ma coordinata da Bruxelles” per identificare e sanzionare chi diffondesse fake news. Parole che che avevano fatto insorgere Beppe Grillo, che aveva parlato di “nuova inquisizione”. E contro la diffusione di notizie false online era intervenuta anche la presidente della Camera Laura Boldrini, che in un video messaggio ha detto:  “Le bufale non sono goliardate, sono menzogne pensate per danneggiare”. E ha lanciato il sito bastabufale.it, invitando gli utenti a firmare il suo appello contro le false informazioni.
Il ddl contro le fake news – Il testo, presentato dall’ex M5s Adele Gambaro (oggi Ala-Sc) e che vede tra i firmatari tutti i gruppi parlamentari, esclude dalle sanzioni testate giornalistiche registrate e introduce “il diritto all’oblio”. “Vogliamo combattere la diffusione delle fake news – spiega Gambaro insieme ai senatori Riccardo Mazzoni di Ala, Sergio Divina della Lega Nord e Francesco Giro di Forza Italia- difendendo la differenza tra le bufale intese come satira e le notizie false che arrecano danni seri. Vogliamo garantire la trasparenza sul web e incentivare la alfabetizzazione mediatica attraverso la formazione dei giovani. Si tratta – osserva – di una battaglia di civiltà: il nostro testo è il solo l’inizio di una discussione che speriamo sia molto ampia. Puntiamo alla raccolta di un numero di firme più alto possibile da tutti gruppi“. L’intento, però, non è di mettere “un bavaglio al web e non vogliamo mettere sceriffi, ma normare quello che è diffuso e non ha regole”.
Il dibattito sulle fake news in Usa e Russia – Ma il tema della post-verità e delle notizie false non riguarda solo l’Italia: negli Stati Uniti il dibattito è esploso a partire dalla campagna di Donald Trump per la Casa Bianca, culminato nel giorno dell’insediamento con gli “alternative facts” coniati dalla sua consigliera Kellyanne ConwayUn modo per attaccare i media che notavano la minore affluenza di pubblico rispetto all’inaugurazione di Trump. E il presidente, di contro, ha accusato gli stessi media – inclusa la Cnn – di produrre informazioni false. Il dibattito è rimbalzato anche a Mosca, dove Putin ha spiegato che chi produce fake news su Trump “è peggio delle prostitute”. Un’allusione rivolta ai presunti dossier hard in mano ai servizi segreti russi con materiale compromettente risalente al periodo in cui il prossimo presidente americano si trovava a Mosca come organizzatore del concorso di Miss Universo nel 2013.
E il Cremlino ha annunciato che aprirà presto sul sito del ministero degli Esteri una sezione in cui pubblicherà le “fake news” dei principali media stranieri. La sezione riporterà inoltre le dichiarazioni di “rappresentanti ufficiali di diversi paesi”, ha detto la portavoce del ministero Maria Zakharova, e “farà rivelazioni, riporterà le fonti reali, fornirà dati e renderà pubblica la reazione russa a una data questione”. “Come potete lottare contro le ‘fake news’ mentre fate tutto il possibile per crearle”, ha detto Zakharova commentando le recenti pubblicazioni di alcuni media americani (ad esempio sull’ipotesi che Snowden venga estradato in America come ‘regalo’ per Donald Trump). Zakharova ha poi sottolineato che le accuse lanciate da Richard Ferrand, collega di Macron, secondo cui le testate russe RT e Sputnik esercitano “una certa influenza” sulla vita democratica della Francia, “non hanno a che fare con i media da lui citati”. “Il signor Ferrand – ha aggiunto Zahkarova – è diventato in gran parte spacciatore di ‘fake news'”.
Fake news, presentato ddl al Senato: “Multe fino a 5mila euro”. E Mosca pubblica online le “false notizie” dei media stranieri Fake news, presentato ddl al Senato: “Multe fino a 5mila euro”. E Mosca pubblica online le “false notizie” dei media stranieri Reviewed by Informazione Consapevole on febbraio 16, 2017 Rating: 5

Nessun commento