Passa ai contenuti principali

Il Bahrain verso la legge marziale

Risultati immagini per BAHREIN SCEICCHI

Di Fulvio Scaglione

Ecco una piccola storia di ordinario Medio Oriente che di sicuro non avrà l’attenzione che merita. Il Parlamento del Bahrain (il cui vero nome sarebbe Consiglio dei Rappresentanti) ha approvato, con 31 voti contro 1, una legge di modifica costituzionale presentata in prima bozza solo 16 giorni fa. Il risultato della modifica apportata all’articolo 105b della Costituzione (a sua volta approvata solo nel 2000) è questo: d’ora in poi le corti militari potranno processare i civili accusati di “nuocere al pubblico interesse” o sospettati di “terrorismo”, reato che nel Paese ha una definizione larghissima, quasi coincidente con la pura opposizione politica. La legge ora passerà all’esame della Shura, il consiglio politico-religioso, con membri nominati dal re, che non mancherà di mettere il proprio timbro.
Insomma: il Bahrain ha introdotto la legge marziale. Questo accade in un Paese dove, dal 2011, la giustizia viene amministrata secondo le norme introdotte dallo Stato di salvezza nazionale che persino secondo la Commissione indipendente d’inchiesta insediata dallo stesso re, ha portato “alla sospensione dei principi fondamentali per un equo processo, a cominciare dal diritto all’assistenza legale e dall’inammissibilità delle testimonianze estorte con la violenza”. Dal 2011 a oggi, almeno 300 intellettuali, attivisti per i diritti umani e oppositori sono stati condannati a pene oscillanti tra i cinque anni di galera e l’ergastolo, quando non alla morte, in base ai protocolli dello Stato di salvezza nazionale. Che a quanto pare non bastava: ora saranno i militari a processare i civili.
Perché tutto parte dal 2011? Perché in quell’anno, come Tunisia, Egitto, Siria e Marocco, e come due anni prima l’Iran, anche il Bahrain ebbe la sua Primavera. Inevitabile, peraltro, in un Paese dove gli sciiti sono maggioranza relativa ma sono schiacciati da una monarchia autoritaria sunnita, quella degli Al Khalifa. Dove i lavoratori stranieri, sfruttati e sottopagati, formano il 50% dei quasi 1,5 milioni di abitanti. Dove il petrolio tiene in piedi tutto a condizione che non si parli di diritti civili.
Per stroncare la protesta, che chiedeva solo un po’ di democrazia, il re del Bahrain chiese l’aiuto dell’Arabia Saudita che non si fece pregare: mandò l’esercito con i carri armati, ammazzò e imprigionò un bel po’ di persone e poi si ritirò, soddisfatta del lavoro compiuto. Lasciando ovviamente allo Stato di salvezza nazionale il compito di perfezionare la repressione.
Uno si direbbe: appassionati come sono all’idea di democratizzare il mondo, i Paesi dell’Occidente perbene avranno fatto fuoco e fiamme. In fondo, che differenza c’è tra Al Khalifa e, si fa per dire, un qualunque Al Sisi o Ahmadinejad? Questo re che fa sparare sui dimostranti, per di più da un esercito straniero, sarà stato ovviamente messo all’indice. E invece no, la differenza a quanto pare c’è è nessuno si è sognato di criticare Al Khalifa, anzi. Barack Obama ha sorriso benevolo, il Regno Unito ha applaudito (Londra è uno dei quattro Paesi europei che hanno un’ambasciata nella capitale Manama) e nel 2012 ha stretto col Bahrain un accordo per la collaborazione tra i rispettivi servizi segreti e l’addestramento militare. Cosa che, nello stesso 2012, in termini appena più blandi, ha fatto anche l’Italia.
Non solo. Nel 2014, quando la casa reale ha organizzato la prima elezione del Parlamento-farsa, tutti hanno gioito e hanno detto “che bello che bello!”. Proprio il Parlamento che adesso si affretta a certificare la trasformazione del Paese da una dittatura e una dittatura clerico-militare.
Agli arabi del Golfo Persico, comunque, non manca il senso dell’umorismo: così Mansour al-Mansour, detto “il macellaio”, il giudice militare del Bahrain che ha gestito gran parte dei processi contro gli oppositori sulla base dello Stato di salvezza nazionale e che ha firmato almeno cinque condanne a morte, è stato scelto dall’Arabia Saudita quale presidente della commissione che dovrebbe indagare, per conto dei sauditi, sui crimini di guerra commessi dai sauditi stessi nella guerra in Yemen contro i ribelli Houthi. Insomma, questi petromonarchi ci prendono pure per i fondelli. Però hanno ragione: ce lo meritiamo.

Commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Diego Fusaro:” Il potere vuole mantenere i sudditi nella perpetua ignoranza”. Ecco perchè è importante studiare

http://www.jedanews.it/blog/attualita/diego-fusaro-potere-vuole-ignoranza/ Recentemente si è parlato di un’allarme lanciato da docenti universitaririguardo la difficoltà degli studenti nell’esprimersi oralmente e nello scrivere in lingua italiana. La questione è finita sulle prime pagine dei giornali tanto da attirare l’attenzione della politica, in particolare del Ministro dell’ Istruzione. Ed è per questo che vogliamo riportarvi un intervento del filosofo Diego Fusaro che, seppur precedente all’ evento sopra descritto, darebbe una spiegazione a nostro avviso valida al fenomeno in questione. “Il potere ha la necessità di mantenere i sudditi nella perpetua ignoranza, in modo che essi, non sapendo cosa sia realmente il potere, non avendo coscienza dei reali rapporti di forza, nemmeno possano rivoltarsi, ne addiverire alla via che porta all’insurrezione.Da sempre il potere mira a mantenere i sudditi nello stato dell’ ignoranza – per questo la scuola, l’università e il mondo della formaz…

LO SFOGO DI DJ FRANCESCO: 'SI ALLA LEGITTIMA DIFESA'

Di Salvatore Santoru

Stanno facendo discutere le dichiarazioni sui social di Francesco Fachinetti, in arte DJ Franscesco,sui social(1).
Dopo un furto subito a casa dei suoi genitori DJ Francesco che se lo Stato non lo tutela lo farà da solo.
L'artista ha spiegato le sue dichiarazioni in un video su Facebook e su Pomeriggio 5 sostenendo che supporta non il farsi giustizia da solo, ma la legittima difesa(2).

Indubbiamente DJ Francesco ha lanciato parole forti, ma che risultano assai condivisibili(sicuramente nella teoria, nel metodo magari no)visto che viviamo in uno Stato che fa veramente poco per tutelare la sicurezza dei suoi cittadini.

NOTE:

(1)http://www.iltempo.it/cronache/2017/02/27/news/rapina-in-casa-di-roby-facchinetti-lo-sfogo-di-dj-francesco-se-lo-stato-non-mi-difende-lo-faro-da-solo-1026031/

(2)http://www.tgcom24.mediaset.it/televisione/pomeriggio-5-francesco-facchinetti-supporto-la-legittima-difesa-_3059847-201702a.shtml

IN SVEZIA L'ANTISEMITISMO E' SEMPRE PIU' DIFFUSO A CAUSA DELL'ISLAMISMO RADICALE, A MALMOE IL CASO PIU' ECLATANTE

Di Salvatore Santoru

I media mainstream ci presentano un'immagine della Svezia 'paradisiaca' ed alquanto idealizzata che per quanto in diversi aspetti sia vera è abbastanza estremizzata nella realtà.
Si dice che i treni arrivano in orario,le strade sono sempre pulite,l'amministrazione statale funziona sempre e comunque,non esiste povertà,non esistono questioni di genere e che la civiltà svedese rappresenti un tipo di 'civiltà superiore' a cui il resto dell'Europa, specie le civiltà considerate "inferiori" come quelle dell'Europa del Sud, devono prendere ispirazione.
Ma, al di là di questa versione idealizzata e un pò fiabesca e utopica che ci viene data dalla Svezia e che il governo svedese propone per questioni d'immagine, anche nella stessa civilissima Svezia non è tutto oro quello che sembra.
Difatti, anche la Svezia ha alcuni 'aspetti oscuri' che ha tutto l'interesse di nascondere o censurare per motivi di prestigio naziona…

TRUMP,IL DISCORSO AL CONGRESSO E L'ASSERTIVITA' AL POTERE

Di Salvatore Santoru

Se il 68 e la sinistra progressista avevano celebrato la "fantasia al potere" con il recente discorso al Congresso di Trump gli USA sono entrati nell'era dell'assertività al potere.
Difatti Trump, abbandonando i toni aggressivi assunti durante la campagna presidenziale,si sta dimostrando sicuramente il presidente più assertivo della storia degli ultimi anni degli USA e difficilmente non si può dire che la stessa definizione generale di "assertività"("Capacità di farsi valere con la persuasione, orientando le scelte e ottenendo il consenso altrui")non gli calzi a pennello, senza dimenticare ovviamente come nota più 'dolente' il suo forte narcisismo,narcisismo che di certo non è comunque raro in un certo mondo dell'intrattenimento e della grande imprenditoria da cui Trump proviene.
Ovviamente, c'è da dire che Trump è anche un grande comunicatore e sa sapientemente affermarsi(l'affermazione di sé è una caratte…

Le 10 più potenti mafie del mondo

http://ditadifulmine.com/
Con il termine "mafia" generalmente ci si riferisce ad associazioni criminali aventi lo scopo di controllare, gestire e preservare i profitti derivanti da traffici illetici. I traffici della mafia vanno dalle armi agli esseri umani, niente è tabù per le mafie di tutto il mondo. Obiettivo della mafia è il monopolio delle attività criminali, siano esse locali o internazionali. Alcune mafie nascono e crescono all'interno di ben precisi confini nazionali, altre invece si estendono a tutto il pianeta, arrivando a profitti da capogiro in alcuni settori come il traffico di droga, o divenendo talmente potenti da diventare più influenti dei gruppi dirigenti mondiali.
Ecco un elenco delle mafie più influenti, almeno negli Stati Uniti, a livello internazionale e planetario. 10 - Mafia Giamaicana Gli Yardies, immigrati giamaicani giunti nel Regno Unito negli anni '50 nella speranza di migliorare le loro condizioni di vita, sono un'associazione mafio…

La CIA, l'acido lisergico, e l'abuso di LSD della US Army...

Dietilamide dell'acido lisergico o LSD, è stato un sacramento per artisti, aspiranti profeti, altri come pula sociale dal 1960. Inventato nel 1938 dal chimico Dr. Albert Hofmann durante la ricerca di un analettico (stimolante circolatorio), ha scoperto che non aveva alcun effetto sugli animali da laboratorio, il tutto è poi finito nel dimenticatoio. Anni dopo, il giorno fatidico il 16 aprile 1953, ha accidentalmente assorbito un po diLSD attraverso la punta delle dita e volò nel suo primo "trip" di acido.A quel punto la CIA aveva in mano, un bimbo di dieci anni, il programma in attuazione, e la ricerca di farmaci da usarsi per gli interrogatori tra cui i famosi sieri della verità. 
Avevano giocato con caffeina, barbiturici, peyote, e marijuana. Hanno cercato il modo per trasformare normali persone in assassini, mentre erano sottoposti a ipnosi, attuavano un'operazione apparentemente inventata con trame da commedia situazionale per vederne attuati gli effetti desiderat…