BREAKING NEWS

IL LATO OSCURO DELLA SOCIETA' "MULTIKULTI" NELL'EUROPA OCCIDENTALE: IL RISORGERE DELL'ANTISEMITISMO DI MASSA

Risultati immagini per sweden jews antisemite


Di Salvatore Santoru

In Europa il modello 'multikulti' era stato ufficialmente proposto come la soluzione al problema dell'antisemitismo e di fenomeni simili risulta teoricamente alquanto "paradossale" che proprio l'antisemitismo di massa è invece tornato a diventare di grande rilevanza proprio nei paesi dopo l'ideologia "multikulti" ha avuto maggiormente successo.
Per chiarirci, la società multiculturale e il multiculturalismo sono dei valori positivi ma se essi non sono basati sulla tutela di tutte le diverse culture che si intende far coesistere e una gestione efficiente del fenomeno si rischia una degenerazione del modello e l'Europa contemporanea la sta vivendo.
A quanto pare molti paesi europei hanno barattato la protezione degli ebrei all'adozione forzata dell'ideologia multikulti, e risulta interessante sapere che proprio i paesi considerati all'avanguardia del multikulti siano spesso gli stessi dove l'antisemitismo tende a diffondersi in maniera più radicale e violenta.

Nell'Europa occidentale Francia,Belgio,Olanda,Svezia e Germania sono i paesi considerati all'avanguardia dell'utopismo multikulti e sono gli stessi in cui le minoranze ebraiche devono fare maggiormente i conti con l'ostilità antisemita, ostilità non e non solo teorica ma sopratutto di stampo violento e terroristico.

Ovviamente i civilissimi cittadini svedesi,tedeschi,olandesi,belgi e francesi non si possono considerare responsabili di ciò mentre è lapalissiano che l'antisemitismo così diffuso deriva in gran parte dalla diffusione di massa dell'islamismo radicale, islamismo radicale che ha nello stesso antisemitismo e nell'odio per la civiltà europea e occidentale alcuni dei suoi più importanti dogmi.
In questi paesi le autorità e/o i gruppi di potere dominanti hanno sbagliato nel non vedere la minaccia islamista radicale e hanno completamente represso e censurato ogni ragionata critica alle problematiche derivate dall'immigrazione di massa, paragonandola alla becera critica dell'immigrazione in sé e non raramente hanno censurato la critica all'islamismo radicale paragonandola alla becera islamofobia.
In questi paesi le autorità politiche o i gruppi di potere dominanti hanno sbagliato nel diffondere e propagandare quel "senso di colpa occidentale" ed europeo e un certo "autorazzismo" sostenendo che si trattasse di "antirazzismo"(l'antirazzismo vero è ben altra cosa) e facendo credere che proprio l'amor proprio europeo e occidentale fosse la causa delle tragedie della Seconda Guerra Mondiale e dell'antisemitismo, ritrovandosi per "paradosso" proprio in casa "quell'antisemitismo diffuso" come non si vedeva proprio dal periodo della Seconda Guerra Mondiale.

Tra i tanti indubbi positivi aspetti, piaccia o non piaccia il modello multiculturalista attuale dell'Europa occidentale ha l'aspetto oscuro di un sempre più diffuso e censurato antisemitismo di massa, problema che si potrebbe risolvere riducendo l'influenza islamista radicale(anche grazie all'aiuto degli islamici e delle comunità islamiche schierate contro lo stesso islamismo radicale).

Nessun commento