Passa ai contenuti principali

IL FLOP DELL'ERA HOLLANDE

Risultati immagini per HOLLANDE

Un bilancio dell’era Hollande

Di Roberto Vivaldelli
Quando arriva il momento di tirare le somme, soprattutto nel caso di un’esperienza politica che giunge al termine, si tenta di rilevare luci e ombre, mettendole sul piatto della bilancia e cercando di redigere un’analisi più obiettiva possibile: operazione difficile nel caso di François Hollande, primo presidente uscente della Repubblica francese in 58 anni di storia a decidere di non ricandidarsi anche se alcuni rumors lo vorrebbero ancora in corsa. Ciò non accadeva dalla Seconda Guerra mondiale.

Un bilancio disastroso

Dietro di sé, il socialista lascia soltanto macerie: quando, lo scorso dicembre, decise che non si sarebbe presentato alle prossime elezioni di aprile, i sondaggi gli accreditavano un misero 14%: “Non mi candido perché voglio dare una chance alla sinistra di sconfiggere estremisti e conservatori” – ha dichiarato – “Qui non è in gioco il futuro di una persona ma di un intero Paese”. Sembra passato un secolo da quel 6 maggio 2012, quando Hollande vinse il secondo turno delle elezioni presidenziali ottenendo 18.000.668 voti (51,6 %), contro i 16.860.685 (48,4 %) di Sarkozy. Era il grande ritorno dei socialisti al governo dopo l’esperienza (1981-1988) di François Mitterrand.
Dopo 5 anni di governo, Hollande lascia una Francia impaurita, disorientata, colpita nel cuore dal terrorismo jihadista, indebolita sotto il profilo geopolitico – schiacciata dal predominio della Germania di Angela Merkel – e segnata dall’accrescere di tensioni sociali, soprattutto nelle convulse periferie cittadine. Una voragine che potrebbe spianare le porte alla candidata del Front National Marine Le Pen.
Austerità, la grande promessa (non mantenuta)
Quel 6 maggio 2012, Hollande promise, davanti alla folla che si era accalcata a place de la Bastille, la piazza-simbolo della Rivoluzione, di cambiare l’Europa: “Grazie popolo di Francia, questo è l’inizio di un movimento in tutta Europa – affermò – è ora di finirla con l’austerità. Ricorderete per il resto della vostra vita questo grande raduno alla Bastiglia, perché darà un segnale di cambiamento. In tutte le capitali, ci sono persone che vedono in noi una speranza per la fine dell’austerità”.
Gavin Mortimer, sulle colonne del quotidiano britannico Spectator, analizza in modo efficace quel discorso e il flop dei cinque anni disastrosi del Presidente socialista: “E’ difficile non ridere rileggendo quelle parole. Un cambiamento in Francia c’è stato sì, ma in negativo. Nemmeno il sostenitore più accanito di Hollande potrebbe mettere in discussione il fatto che la sua presidenza è stata la più catastrofica dall’inizio della Quinta Repubblica, iniziata nel 1958. Con lui la Francia ha raggiunto livelli di illegalità spaventosi”. Al contrario di ciò che promise il leader socialista, in Europa la Francia si è appiattita sulle posizioni della Germania, lasciando ad Angela Merkel il ruolo di protagonista assoluta. Il modello tedesco è ancora quello dominante e Hollande non ha fatto nulla per metterlo in discussione.
Un Paese più povero
Secondo l’analisi di Stefan Kipfler pubblicata su Global Research, il presidente uscente ha completamente tradito le istanze dei lavoratori: “Il numero totale di disoccupati e precari ha continuato a crescere durante la presidenza Hollande. Nonostante l’esportazione di armi, l’industria è in grande difficoltà e in pieno declino. I tassi di povertà, inoltre, sono superiori rispetto al 2008”.
La disoccupazione a dicembre 2016, nonostante qualche timido segnale di ripresa, era salita per il terzo trimestre consecutivo toccando il 10%. Centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza, nei mesi scorsi, arrivando anche a scontri violentissimi e scene di guerriglia, per protestare contro la Loi Travail , la riforma del mercato del lavoro – il “jobs act francese” –  varata dal governo Valls.
Il flop delle misure anti-terrorismo
Charlie Hebdo, le stragi del 13 settembre 2015, l’attentato del 14 luglio 2016 a Nizza. In Francia si è assistito a una drammatica escalation del terrorismo jihadista. Naturalmente, questi tragici eventi hanno contribuito a minare la leadership di Hollande e la popolarità della sua presidenza.

Commenti

  1. Ho trovato il sorriso è grazie al questo Signore. Muscolino GIOVANNI che ho ricevuto un prestito di 70.000€ nel mio conto il mercoledì a 11:32 min e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di questo signore senza alcuna difficoltà. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro. Pubblico questo messaggio perché signore Muscolino GIOVANNI mi ha fatto bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato quest'uomo onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Allora vi consiglio di contattarlo e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete. Ecco il suo indirizzo elettronico: muscolinogiovanni61@gmail.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Diego Fusaro:” Il potere vuole mantenere i sudditi nella perpetua ignoranza”. Ecco perchè è importante studiare

http://www.jedanews.it/blog/attualita/diego-fusaro-potere-vuole-ignoranza/ Recentemente si è parlato di un’allarme lanciato da docenti universitaririguardo la difficoltà degli studenti nell’esprimersi oralmente e nello scrivere in lingua italiana. La questione è finita sulle prime pagine dei giornali tanto da attirare l’attenzione della politica, in particolare del Ministro dell’ Istruzione. Ed è per questo che vogliamo riportarvi un intervento del filosofo Diego Fusaro che, seppur precedente all’ evento sopra descritto, darebbe una spiegazione a nostro avviso valida al fenomeno in questione. “Il potere ha la necessità di mantenere i sudditi nella perpetua ignoranza, in modo che essi, non sapendo cosa sia realmente il potere, non avendo coscienza dei reali rapporti di forza, nemmeno possano rivoltarsi, ne addiverire alla via che porta all’insurrezione.Da sempre il potere mira a mantenere i sudditi nello stato dell’ ignoranza – per questo la scuola, l’università e il mondo della formaz…

LO SFOGO DI DJ FRANCESCO: 'SI ALLA LEGITTIMA DIFESA'

Di Salvatore Santoru

Stanno facendo discutere le dichiarazioni sui social di Francesco Fachinetti, in arte DJ Franscesco,sui social(1).
Dopo un furto subito a casa dei suoi genitori DJ Francesco che se lo Stato non lo tutela lo farà da solo.
L'artista ha spiegato le sue dichiarazioni in un video su Facebook e su Pomeriggio 5 sostenendo che supporta non il farsi giustizia da solo, ma la legittima difesa(2).

Indubbiamente DJ Francesco ha lanciato parole forti, ma che risultano assai condivisibili(sicuramente nella teoria, nel metodo magari no)visto che viviamo in uno Stato che fa veramente poco per tutelare la sicurezza dei suoi cittadini.

NOTE:

(1)http://www.iltempo.it/cronache/2017/02/27/news/rapina-in-casa-di-roby-facchinetti-lo-sfogo-di-dj-francesco-se-lo-stato-non-mi-difende-lo-faro-da-solo-1026031/

(2)http://www.tgcom24.mediaset.it/televisione/pomeriggio-5-francesco-facchinetti-supporto-la-legittima-difesa-_3059847-201702a.shtml

IN SVEZIA L'ANTISEMITISMO E' SEMPRE PIU' DIFFUSO A CAUSA DELL'ISLAMISMO RADICALE, A MALMOE IL CASO PIU' ECLATANTE

Di Salvatore Santoru

I media mainstream ci presentano un'immagine della Svezia 'paradisiaca' ed alquanto idealizzata che per quanto in diversi aspetti sia vera è abbastanza estremizzata nella realtà.
Si dice che i treni arrivano in orario,le strade sono sempre pulite,l'amministrazione statale funziona sempre e comunque,non esiste povertà,non esistono questioni di genere e che la civiltà svedese rappresenti un tipo di 'civiltà superiore' a cui il resto dell'Europa, specie le civiltà considerate "inferiori" come quelle dell'Europa del Sud, devono prendere ispirazione.
Ma, al di là di questa versione idealizzata e un pò fiabesca e utopica che ci viene data dalla Svezia e che il governo svedese propone per questioni d'immagine, anche nella stessa civilissima Svezia non è tutto oro quello che sembra.
Difatti, anche la Svezia ha alcuni 'aspetti oscuri' che ha tutto l'interesse di nascondere o censurare per motivi di prestigio naziona…

TRUMP,IL DISCORSO AL CONGRESSO E L'ASSERTIVITA' AL POTERE

Di Salvatore Santoru

Se il 68 e la sinistra progressista avevano celebrato la "fantasia al potere" con il recente discorso al Congresso di Trump gli USA sono entrati nell'era dell'assertività al potere.
Difatti Trump, abbandonando i toni aggressivi assunti durante la campagna presidenziale,si sta dimostrando sicuramente il presidente più assertivo della storia degli ultimi anni degli USA e difficilmente non si può dire che la stessa definizione generale di "assertività"("Capacità di farsi valere con la persuasione, orientando le scelte e ottenendo il consenso altrui")non gli calzi a pennello, senza dimenticare ovviamente come nota più 'dolente' il suo forte narcisismo,narcisismo che di certo non è comunque raro in un certo mondo dell'intrattenimento e della grande imprenditoria da cui Trump proviene.
Ovviamente, c'è da dire che Trump è anche un grande comunicatore e sa sapientemente affermarsi(l'affermazione di sé è una caratte…

Le 10 più potenti mafie del mondo

http://ditadifulmine.com/
Con il termine "mafia" generalmente ci si riferisce ad associazioni criminali aventi lo scopo di controllare, gestire e preservare i profitti derivanti da traffici illetici. I traffici della mafia vanno dalle armi agli esseri umani, niente è tabù per le mafie di tutto il mondo. Obiettivo della mafia è il monopolio delle attività criminali, siano esse locali o internazionali. Alcune mafie nascono e crescono all'interno di ben precisi confini nazionali, altre invece si estendono a tutto il pianeta, arrivando a profitti da capogiro in alcuni settori come il traffico di droga, o divenendo talmente potenti da diventare più influenti dei gruppi dirigenti mondiali.
Ecco un elenco delle mafie più influenti, almeno negli Stati Uniti, a livello internazionale e planetario. 10 - Mafia Giamaicana Gli Yardies, immigrati giamaicani giunti nel Regno Unito negli anni '50 nella speranza di migliorare le loro condizioni di vita, sono un'associazione mafio…

La CIA, l'acido lisergico, e l'abuso di LSD della US Army...

Dietilamide dell'acido lisergico o LSD, è stato un sacramento per artisti, aspiranti profeti, altri come pula sociale dal 1960. Inventato nel 1938 dal chimico Dr. Albert Hofmann durante la ricerca di un analettico (stimolante circolatorio), ha scoperto che non aveva alcun effetto sugli animali da laboratorio, il tutto è poi finito nel dimenticatoio. Anni dopo, il giorno fatidico il 16 aprile 1953, ha accidentalmente assorbito un po diLSD attraverso la punta delle dita e volò nel suo primo "trip" di acido.A quel punto la CIA aveva in mano, un bimbo di dieci anni, il programma in attuazione, e la ricerca di farmaci da usarsi per gli interrogatori tra cui i famosi sieri della verità. 
Avevano giocato con caffeina, barbiturici, peyote, e marijuana. Hanno cercato il modo per trasformare normali persone in assassini, mentre erano sottoposti a ipnosi, attuavano un'operazione apparentemente inventata con trame da commedia situazionale per vederne attuati gli effetti desiderat…