L'OGGETTIVAZIONE E LA MERCIFICAZIONE DEL CORPO MASCHILE CHE NON FA SCANDALO

Risultati immagini per Men Are Sexually Objectified

Di Salvatore Santoru

Negli ultimi anni si è parlato molto della questione dell'oggettivazione e della mercificazione del corpo,esclusivamente al femminile.
Sono stati scritti molti libri,girati diversi documentari e trasmissioni tv sul tema e per diverso tempo la discussione è stata egemone nei mass media.
Inoltre, si è sensibilizzata fortemente l'opinione pubblica e la società sul tema e in occasione di episodi di oggettivazione e mercificazione del corpo femminile(pubblicità,programmi tv ecc)vi sono sin da subito forti critiche e boicottaggi, per giungere nella maggior parte delle volte alla chiusura dei programmi o alla fine della diffusione delle pubblicità, o perlomeno alle scuse dell'azienda in questione.

Eppure, ci sarebbe anche da dire che c'è un'altro lato della mercificazione e dell'oggettivazione del corpo che è socialmente 'invisibile' e che non fa scandalo, quella del corpo maschile.
Difatti,negli ultimi tempi(ma in realtà da sempre)si assiste a una sempre più massiccia promozione di un'immaginario idealizzato del corpo maschile, ben lontano dalla realtà comune proprio come l'immaginario idealizzato della donna nelle pubblicità commerciali era ben lontano dalla realtà comune.
Secondo un articolo del Daily Telegraph attualmente gli uomini sono più oggettivati delle donne(1) e tale mercificazione e oggettivazione è giustificata e legittimata in un articolo 'progressista' del sito web "Elite Daily"(2).

Vi sono una marea di pubblicità e di programmi tv in cui l'uomo è ridotto a 'mera carne' e deve sottostare allo stereotipo pregiudiziale dell'uomo "tutto muscoli,poco cervello"(stereotipo appunto perché non è detto che sia così) e alla schiavitù del desiderio immaginativo femminile e di quello della vanità maschile, proprio come avveniva e avviene in modo invertito.
In tutto ciò, l'uomo è valutato solo per ciò che appare e la sua interiorità deve essere completamente svuotata a scapito di un forzato esibizionismo.

Inoltre, tale tipo di immaginario è considerato l'unico possibile mediaticamente e crea notevoli pressioni tra i ragazzi e i giovani uomini, i quali cercano di fare di tutto per adeguarsi agli standard imposti dalle mode o dalle ideologie dominanti per piacere e stare 'in tendenza'...
(In parte e per alcuni l'attuale moda e ossessione del fisico/della palestra e dei vari ritocchi non è dovuta solo a legittime questioni di benessere fisico, ma anche a 'pressioni sociali' e adeguamento agli attuali standard egemoni)...

Comunque tutto ciò non fa scandalo e non vi sono grandi proteste da parte maschile o femminile e non sembra che diverse indignate o diversi indignati per l'oggettivazione e la mercificazione femminile abbiano molto da dire a riguardo, eppure si ripete continuamente che la 'differenza' tra maschile e femminile non esiste o comunque non dovrebbe essere considerata così fondamentale ecc ecc ...

POSTILLA:

Sulla tematica poco discussa della mercificazione e del corpo maschile consiglio questi articoli:

Il corpo degli uomini(Giovanna Cosenza,https://www.alfabeta2.it/2010/11/17/approfondimenti-a-il-corpo-degli-uomini/ e https://giovannacosenza.wordpress.com/2010/11/23/il-corpo-degli-uomini/)

Il Corpo Degli Uomini(Giovanni Florio,http://www.lettera43.it/it/articoli/cronaca/2011/08/22/il-corpo-degli-uomini/17580/)

La mercificazione del corpo maschile(Ladymismagius,https://ilragno.wordpress.com/2014/03/11/la-mercificazione-del-corpo-maschile/)

MERCIFICAZIONE DELL’UOMO NELLE PUBBLICITÀ(Claudia e Federica,http://ilquotidianoinclasse.ilsole24ore.com/2014/12/mercificazione-delluomo-nelle-pubblicita/?refresh_ce=1

Sfila il corpo maschile ma adesso nessuno grida all’uomo oggetto(Giordano Bruno Guerri,http://www.ilgiornale.it/news/sfila-corpo-maschile-adesso-nessuno-grida-all-uomo-oggetto.html)


NOTE:

(1)http://www.telegraph.co.uk/men/thinking-man/11395576/Men-are-now-objectified-more-than-women.html

(2)http://elitedaily.com/life/culture/okay-to-objectify-men/1106317/

Share:

0 commenti