BREAKING NEWS

AL DI LA' DEI SOSPETTI FONDATI O INFONDATI SULLE ONG, PER ORA L'UNICA COSA CERTA DELL'ATTUALE IMMIGRAZIONE DI MASSA E' CHE DIETRO VI SONO DETERMINATI INTERESSI MAFIOSI E CRIMINALI


Risultati immagini per MAFIA IMMIGRAZIONE

Di Salvatore Santoru

Negli ultimi giorni si è parlato molto degli interessi che si nasconderebbero dietro l'attuale immigrazione di massa verso l'Italia e l'Europa.
Si è parlato molto del ruolo sospetto che potrebbero aver avuto o avrebbero alcune ONG, anche se il tema è molto controverso e non vi sono ancora sufficienti elementi per approfondire e provare meglio il fatto.
Di certo c'è da dire che è pur vero che la maggioranza delle ONG opera a livello umanitario e la maggioranza dei suoi membri sono persone dedite al bene,mentre rimane argomento di discussione il tema su alcuni ipotetici finanziamenti che avrebbero alcune ONG e ipotetici collegamenti con gli scafisti,tutte ipotesi su cui oggi si sta indagando e su cui si dovrebbe indagare.

Al di là di tutto ciò, c'è comunque da dire che ormai "il vaso di Pandora" è stato scoperto e anche ufficialmente ormai si sa che l'attuale immigrazione di massa non è meramente un'evento "naturale" come per anni ci hanno presentato diversi media mainstream, ma vi sono grossi interessi dietro,non raramente di natura criminale.
Difatti,come è stato già dimostrato dal caso di "Mafia Capitale" e dalle nuove dichiarazioni del procuratore Carmelo Zuccaro(1), l'emergenza immigrazione viene spesso sfruttata da gruppi criminali per i propri oscuri interessi e oggi assistiamo alla collaborazione e forse allo sporadico scontro tra diversi interessi criminali che vanno da quelli della mafia nigeriana e libica,come segnalato dall'attivista congolese Yvonne Bamswekere nel 2015(2), ai gruppi islamisti radicali come l'ISIS o Al Qaeda e ad altre formazioni terroristiche o di stampo mafioso/criminale.

NOTE:

(1)https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2017/05/la-nuova-denuncia-del-procuratore.html

(2)https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2017/05/la-denuncia-dellattivista-congolese.html

Nessun commento