Cresce l’ipotesi modello tedesco per la legge elettorale: Grillo apre il voto sul blog

Risultati immagini per legge elettorale grillo

http://www.lastampa.it/2017/05/26/italia/politica/cresce-lipotesi-modello-tedesco-per-la-legge-elettorale-grillo-apre-il-voto-sul-blog-fRZOp7GmMMzoIk5oNYXwDL/pagina.html

L’arco politico sembra accelerare su una legge elettorale che segua il cosiddetto modello tedesco, un sistema misto che unisce collegi uninominali e maggioritari con un proporzionale a livello nazionale. 





Nella giornata di venerdì la spinta al modello tedesco registra due nuovi passi avanti. Da una parte Forza Italia ha presentato solo quattro emendamenti al testo base della legge elettorale: di questi due sono tecnici e due “tedeschizzano” la proposta del capogruppo Pd, Ettore Rosato, il cosiddetto Rosatellum

Dall’altra parte il Movimento 5 Stelle decide di proporre la scelta del sistema tedesco alla base online del blog di Beppe Grillo. Nel pomeriggio sul sito è apparso un post che avvia la consultazione con la domanda: «Siete favorevoli all’approvazione di un sistema elettorale di impianto tedesco che sia rispettoso della Costituzione, eventualmente con l’introduzione di correttivi di governabilità costituzionalmente legittimi?». La proposta sarà votata dai militanti del Movimento 5 Stelle domani e domenica dalle 11 alle 19. 

La legge elettorale tedesca, che piace a Forza Italia e che potrebbe diventare il sistema di voto su cui convergono le maggiori forze politiche, a partire dal Pd, è un sistema misto ma fortemente proporzionale, con uno sbarramento al 5%. Per la metà i seggi sono attribuiti ai candidati con collegi uninominali a turno unico: vince il candidato che ottiene più voti. I seggi sono poi distribuiti tra le liste (ma solo tra quelle che superano il 5% su base nazionale) in proporzione ai voti ottenuti a livello nazionale. Vengono quindi attribuiti per primi alle liste i seggi ottenuti nei collegi uninominali, mentre i restanti seggi sono attribuiti in base a liste bloccate. Se un partito ottiene nei collegi più seggi di quanto previsto in base al sistema proporzionale, questi gli vengono comunque assegnati. Ciò è possibile perché la composizione del Bundestag è a numero variabile e di norma sono i grandi partiti ad ottenere i seggi in sovrannumero, un meccanismo che, insieme allo sbarramento del 5%, dà una lieve correzione maggioritaria al sistema. Ma il tedesco, tanto più nel quadro attuale italiano, è un sistema elettorale che favorisce le alleanze dopo il voto e la nascita di governi di Grande Coalizione. Tuttavia, se si volesse applicare il sistema tedesco all’Italia bisognerebbe modificare il meccanismo sul numero variabile dei membri del Bundestag, in quanto il numero dei parlamentari di Camera e Senato è fisso per Costituzione. 

Nello specifico, con il sistema tedesco ogni elettore esprime due voti, chiamati “primo voto” (erststimme) e “secondo voto” (zweitstimme). Il primo voto è il voto maggioritario e uninominale. In ognuno dei 299 collegi in cui è diviso il territorio nazionale, viene eletto solo il candidato più votato, anche solo con la maggioranza relativa. Non c’è una soglia minima di voti, chi ha più voti viene eletto. Il secondo voto è proporzionale: i restanti seggi vengono attribuiti attraverso un sistema proporzionale su base nazionale. In questo caso l’elettore sceglie un partito. La percentuale di voti ottenuta determina il numero di seggi a cui quel partito ha diritto. Sono esclusi dal riparto dei voti i partiti che hanno ottenuto meno del 5% oppure meno di tre candidati eletti con il `primo voto´. Significato e determinante è il sistema del riparto dei voti. Nel riparto della quota proporzionale al numero totale di seggi a cui un partito ha diritto vanno sottratti gli eletti con il `primo voto´. Se i seggi a cui ha diritto sono più di quelli ottenuti con il primo voto, la differenza verrà assegnata sulla base di listini bloccati su base regionale. 
Cresce l’ipotesi modello tedesco per la legge elettorale: Grillo apre il voto sul blog Cresce l’ipotesi modello tedesco per la legge elettorale: Grillo apre il voto sul blog Reviewed by Informazione Consapevole on maggio 27, 2017 Rating: 5

Nessun commento